Blue Wine, la denominazione d’origine impossibile

Blue Wine, la denominazione d’origine impossibileDimenticatevi tutto quello che sapevate sul vino. Dimenticatevi delle Denominazioni di Origine spagnole, gli standard di servizio e tutto ciò che avete imparato in un corso di degustazione o da sommelier. Dimenticatevi delle tradizioni. Dimenticatevi che il vino rappresenta per i credenti “il rosso Sangue di Cristo”. Dimenticati tutto!

Team
GIK è composto da giovani ventenni senza nessun vissuto o tradizione vinicola. Dichiarano di non aver mai avuto nessuna esperienza nel settore. Non hanno orari, non hanno un posto fisico e “il loro ufficio è il mondo”. Si considerano imprenditori ma…non sono imprenditori. Sono creativi, designer, informatici, artisti e musicisti. In questo team non esistono gerarchie e le decisioni sono prese “orizzontalmente”.

Produzione/Imbottigliamento
Il GIK Live! è imbottigliato dalla GIK e prodotto in varie cantine della Spagna (non sono specificate), cantine scelte principalmente per la loro struttura tecnologica, i loro vigneti e il loro desiderio di “provare l’impossibile al limite della provocazione”.

Processo
I composti che caratterizzano questa pigmentazione sono ottenute attraverso un processo di lavorazione sulle antocianine (dal greco anthos = fiore, kyáneos = blu), una classe di pigmenti idrosolubili appartenente alla famiglia dei flavonoidi presenti nell’uva. Questa tecnologia è stata sviluppata dalla R & S GIK in collaborazione con la Facoltà di Ingegneria UPV-EHU - Università dei Paesi Baschi.
La GIK dichiara che i controlli di qualità sono stati rigorosi e nel pieno rispetto delle regolamentazione utilizzate per i prodotti alimentari UE. Nella loro scheda tecnica viene dichiarato esclusivamente che è “un vino al 100% con un bel blu indaco e un buon sapore dolce”.

Dati in controetichetta
La controetichetta cita quali “ingredienti” i seguenti elementi: vino (non vengono dichiarati i vitigni), coloranti organici quali antocianine e indigo blu, dolcificanti non calorici (E950, E955, E952). Contiene solfiti e la gradazione alcolica è di 11,5%.

Consumo
Il consumo (ndr: viene distribuito quasi esclusivamente on line) vede premiata la fascia tra i 25 e i 34 anni, uomini e donne che non bevono abitualmente vino ma altre bevande analcoliche zuccherine oppure birra e/o superalcolici. Le donne sono il 48%, uomini il 52%.

Vendita e Costo
La bottiglia è di 75 cl, il costo per l’acquisto online a 8,26 euro + 22% VAT.
Per l’acquisto di un cartone di 6 bottiglie (ndr: 49,59 euro + 22%VAP) non necessita aggiungere altri costi.
La consegna è avvenuta tramite BRT – Corriere Espresso in 13 giorni dall’ordine con pagamento tramite carta di credito (ndr: da Coslada-Madrid a Torino).

Organolettico/abbinamento
Ho provato il “vino” alla temperatura di servizio, come da loro raccomandato, a 10° C. in un bicchiere classico da degustazione ISO, da solo nel luogo dove degusto abitualmente e professionalmente.

Visivo
Trasparente, limpido, un buon spessore di tonalità con riflessi luminosi.
Il colore è Blu (ndr: meglio usare il termine “indaco”, colore ottenuto dal colore ciano e il magenta in pari quantità), di fluidità scorrevole.

Olfattivo
Media intensità, non sono presenti anomalie olfattive, profumo gradevole.
Presenta richiami alla frutta matura: mirtillo, mora, pesca gialla, frutto della passione, banana e litchi su tutti. 
Indice P.A.I. (acronimo di Persistenza Aromatica Intensa) lo classifica nella fascia di durata fino a 10 secondi.

Gustativo
Di modesto grado alcolico, un “vino” dal sapore dolce dominate e di poco corpo.
Anche in bocca si avvertono sentori riconducibile della frutta matura sopra descritta.
E’ rinfrescante con una buona acidità, senza nessun difetto. Pronto per essere bevuto.

Abbinamento
Non è di facile abbinamento. Loro consigliano Sushi, Salmone affumicato e Pasta alla carbonara (?).... .

Mie considerazioni finali
Se l’obiettivo era provocare, obiettivo centrato. 
Se l'obiettivo era di fare un "grande vini", a mio avviso, bersaglio mancato!
I miei dubbi sono rimasti, e si sono moltiplicati causa totale confusione d’insieme. 
Ricomprerò il prodotto? No, grazie!

A seguire trovare alcune obiezioni tecniche-legislative - da me espressamente richieste - sulla controetichetta del “Blue Wine - Vino Blu imbottigliato dalla GIK” a cura del Dr. PhD. Alberto Cugnetto, Enologo. 
Io non aggiungo commenti al suo testo, un testo che troverete esaustivo e dettagliato.

Blue Wine, la denominazione d’origine impossibile

 


Considerazioni tecnico-legislative
di Alberto Cugnetto, Enologo PhD.

La legislazione Europea, definisce in modo chiaro ed inequivocabile cosa è vino e cosa non lo è.
Il Reg. UE 479/2008 e successivamente il Reg.  UE 1308/2013, allegato VII, parte II definiscono il vino quale “prodotto ottenuto esclusivamente dalla fermentazione alcolica totale o parziale di uve fresche, pigiate o no, o di mosti di uve” alle quali non è ammesso l’addizione di qualsiasi tipo di colorante o di altra sostanza non ammessa nella lista degli additivi e coadiuvanti così come riportati nel Reg. UE 606/2009 allegato 1 A.

La normativa nazionale, con i relativi decreti attuativi, non potrebbe peraltro derogare in modo più permissivo rispetto alle disposizioni comunitarie e pertanto, anche la Spagna, dovrebbe uniformarsi in toto a quanto definito dalla normativa comunitaria.

L’utilizzo di coloranti nel vino, che siano essi anche classificati come coloranti de facto o estratti di erbe, possono invece essere utilizzati nei prodotti vitivinicoli aromatizzati e nello specifico nelle “bevande aromatizzate a base vino”, che seguono una specifica legislazione (Reg. UE 251/2014) che ne definisce le specifiche produttive e di presentazione. La presentazione e l’etichettatura di questi prodotti dovrebbe per legge riportare in etichetta la categoria merceologica (“Bevanda aromatizzata a base di vino” o “Cocktail aromatizzato a base di prodotti vitivinicoli”), distinguendola in maniera chiara (min 1,2 mm altezza carattere) ed inequivocabile da un vino (cosa che non compare nella etichetta legale del prodotto in questione). 

Inoltre il prodotto dovrebbe essere obbligatoriamente aromatizzato con un aroma distinguibile sensorialmente e analiticamente e che non sia riconducibile ad un vino classico.

Esiste un’altra categoria di bevande che possono essere colorate, le bevande alcoliche (cooler, cocktail e simili), che escono però dal perimetro della normativa vitivinicola, e che non possono essere prodotte in uno stabilimento enologico. Per legge (Reg. UE 1169/2011) queste bevande non possono in nessun modo utilizzare in etichetta termini che riconducano a prodotti del settore vitivinicolo (la parola “vino” ad esempio è tra queste).

In base a quanto sopra argomentato, e fino a prova contraria, la bevanda in questione alla luce della controetichetta presente in bottiglia, perché di bevanda si tratta, non è conforme alla etichettatura così come prescritto dalla normativa sulla etichettatura degli alimenti (Reg UE 1161/2011) né tantomeno alla specifica legislazione vitivinicola comunitaria.

 
Articolo redatto da Roberto Rabachino con la collaborazione tecnica di Alberto Cugnetto
Credit Photo: Roberto Rabachino e Gik Live!


Roberto Rabachino _ Blue Wine       Blue Wine

 

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn