Pollock: artista e chef

Pollock: artista e chefIl ricettario del grande pittore, nascosto da anni nella sua casa a Long Island è stato ritrovato dalla nipote Francesca. Oggi è diventato un libro di foto e ricette.
Jackson Pollock, uno dei maggiori artisti del secolo scorso era anche un ottimo chef. 

Amava sperimentare nuove ricette per poi riportale con grande attenzione in un diario segreto.


Che fine ha fatto questo diario?  Dopo lunghe ricerche lo ha ritrovato la nipote Francesca, proprio nella cucina della casa degli Hamptons, dove l’artista si trasformava in chef.

Nel libro si trovano tante ricette scritte a mano da Pollock, dalla moglie Lee e da mamma Stella e rivelano un grande interesse per la buona cucina e un'attenzione particolare per i prodotti stagionali della terra.

 

La fotografa e scrittrice australiana Robyn Lea, si è innamorata delle ricette dell’artista e le ha raccontate in una carrellata di 51 immagini, fotografando i piatti che un gruppo di chef ha realizzato seguendo alla lettera le ricette originali.

Le foto sono diventate un libro “Dinner with Jackson Pollock” pubblicato da Assouline .

Un che libro racconta una casa, una vita d'artista e un ricco ricettario.

 

Dagli antipasti ai contorni, al pane, ai dessert, oltre cinquanta dei suoi piatti preferiti comprese le frittelle di patate di Stella, la bouillabaisse, la macedonia di frutta e mais di Elaine de Kooning, la torta di noci di Rita Benton, il pane di segale e la sua torta di mele da primo premio, offrono un viaggio tra ritagli di giornale. appunti e ricette scarabocchiate su pezzi di carta sulle pagine del diario.

La casa degli Hamptons aveva rappresentato il “buen retiro” per Jackson e Lee, qui l’artista amava ricevere e cucinare.

 

“Io lo aiutavo in cucina ma solo lui preparava la sua famosa torta di mele…era molto pignolo con le sue infornate…” diceva la moglie.

I racconti di Jackson e della sua famiglia s’intrecciano con rispettosi accostamenti alle immagini dei sui quadri dei piatti cucinati, in un inedito ritratto di una casa americana anni Cinquanta.

E tante ricette da copiare.

 

Cesare Zucca

Foto di Robyn Lea

 

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn